CHIRURGIA PALPEBRALE FUNZIONALE

Si occupa di tutte quelle patologie che colpiscono le palpebre superiori ed inferiori con conseguenti disturbi funzionali a carico del paziente.

Rimozione di neoformazioni palpebrali 
Si basa sul trattamento chirurgico di neoformazioni quali cisti (cisti di Meibomio o calazio), nevi e/o epiteliomi (basocellulari o spinocellulari). A seconda del tipo di neoformazioni sarà necessario un trattamento chirurgico specifico in regime ambulatoriale, di Day-Surgery o con ricovero ordinario in caso di situazioni cliniche più complesse. In dipendenza del caso clinico infatti, potrà essere sufficiente l’asportazione della neoformazione con sutura diretta, oppure la copertura con innesti cutanei o lembi locali. Tali procedure vengono generalmente eseguite in anestesia loco-regionale con eventuale ausilio di una lieve sedazione; in casi più complessi può essere necessario il ricorso ad un’anestesia generale.

Blefarocalasi
E’ un rilassamento della cute della palpebra superiore che in casi gravi di eccessiva lassità può portare alla copertura della pupilla con conseguente riduzione del campo visivo. In questi casi non si tratta di un problema estetico bensì funzionale. Il trattamento consiste nell’asportare chirurgicamente tale cute in eccesso causa dell’obliterazione del campo visivo.

Ptosi palpebrale
E’ un’anomala posizione della palpebra superiore che può arrivare a coprire la pupilla con conseguente disturbo della vista da riduzione del campo visivo. Può essere conseguente ad un’anomalia del muscolo elevatore della palpebra superiore, responsabile della sua apertura. L’intervento chirurgico correttivo mira a ricollocare la palpebra superiore nella sua posizione corretta (agendo sul muscolo elevatore) simmetrizzandola con quella controlaterale.

Ectropion
E’ una condizione patologica in cui si verifica l’eversione (rotazione verso l’esterno) del margine libero della palpebra inferiore con conseguente esposizione della congiuntiva: ciò porta a irritazione oculare fino ad una vera e propria cheratite. Può essere dovuta a lassità delle strutture palpebrali in seguito all’invecchiamento o per cause post-traumatiche che portano a cicatrici retraenti e/o a perdita di sostanza. L’intervento chirurgico è finalizzato al riposizionamento della palpebra inferiore attraverso il suo ancoraggio al margine orbitario laterale al fine di ridare il giusto sostegno alla palpebra stessa.

Entropion
E’ il contrario dell’ectropion, ovvero la rotazione verso l’interno del margine palpebrale ed interessa principalmente la palpebra inferiore. Ciò porta ad irritazione meccanica della congiuntiva e possibile ulcerazione corneale. Generalmente è dovuto all’indebolimento delle strutture palpebrali a causa dell’età, meno frequentemente è di origine post-traumatica. L’intervento chirurgico correttivo mira a ricollocare la palpebra in modo che le ciglia si riposizionino correttamente senza traumatizzare la congiuntiva.